2017 – Camilla Balbi

Ho lasciato passare molto tempo, probabilmente troppo, prima di sedermi con calma al computer per scrivere queste poche parole, drammaticamente insufficienti per descrivere quello che ho dentro, quello che Israele mi ha lasciato di sé, quello che Israele mi ha consentito di diventare.